Coppa GSPORT 2016: Classifica e regolamento

Ecco la classifica della nostra coppa dopo la prima Bi-Sprint di Piossasco. Come vi abbiamo anticipato, il punteggio è calcolato con la formula di Coppa Italia (20, 17, 14, 12, 11, 10, 9, 8, 7, 6, 5, 4, 3, 2, 1).

Vincerà la Coppa chi otterrà il punteggio più alto sommando i cinque migliori risultati. Per essere classificati occorre avere almeno 4 risultati utili (cioè risultati che danno punti).

Se qualcuno in una gara si iscrive a una categoria che poi viene accorpata a una categoria superiore, il suo punteggio sarà calcolato a parte. Per esempio, se in una gara non si riesce a fare la W45 perché ci sono solo due iscritte, queste due atlete correranno in WA, e la prima delle due avrà comunque 20 punti anche se non vince la WA. Lo stesso per la seconda, che avrà 17 punti anche se non sarà seconda in WA.

Controllate che nei risultati provvisori non ci siano errori!

Annunci

Bi-Sprint Piossasco 2016: somma tempi

Ecco anche la classifica globale della B-Sprint, che considera solo i qualificati in entrambe le gare: SommaTempi.

Vi ricordiamo che per la classifica generale della Coppa Gsport bisogna avere almeno 4 risultati utili su 6. Quindi c’è ancora tempo per tutti di recuperare. Anche per chi non avesse partecipato a nessuna di queste due gare.

Pubblicheremo al più presto il regolamento definitivo. Per chi non le avesse ancora lette, al momento sono disponibili queste anticipazioni.

 

Bi-Sprint Piossasco 2016: Risultati

Sul sito Fiso, nella pagina di ciascuna gara, sono stati pubblicati i risultati provvisori. Gli split times, per il momento, li trovate invece qui:

SplitGara1

SplitGara2

Speriamo vi siate divertiti. Vi ringraziamo per la partecipazione e vi aspettiamo il 12 giugno alla Pellerina!

Potete lasciare qui sotto commenti e suggerimenti.

A molto presto con altri post (naturalmente deve ancora arrivare la classifica con la somma dei tempi: probabilmente sarà disponibile in serata).

Bi-sprint Piossasco 2016: note sui percorsi

Ecco le lunghezze provvisorie dei percorsi.

Chi ha già corso al Monte San Giorgio sa che quel terreno è un po’ anomalo per le sprint che siamo abituati a disputare negli ultimi tempi. È infatti un bosco che in alcuni punti richiede una attenta lettura della carta. Anche la percentuale del dislivello è notevole per una sprint. A complicare le cose si aggiunge un disboscamento che in alcune zone ha lasciato sul terreno tronchi e ramaglie. Nonostante la lunghezza contenuta dei percorsi, per le categorie agonistiche ci aspettiamo quindi tempi medi più vicini ai 20 minuti che ai 15.
La gara 1 dovrebbe risultare tecnica e piuttosto “comoda”, mentre la gara 2 è per tutti un po’ più “fisica”, e mantiene un buon tasso di tecnicità per le categorie agonistiche.

Stiano comunque tranquilli i Direct 1 e gli M 12: con loro il tracciatore è stato particolarmente benevolo!